tvlgroup.it utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consulti la nostra politica sui cookie.
Chiudendo questa notifica o continuando a navigare il sito acconsente all'utilizzo dei cookie.

Impianti di rivelazione fumo



La rivelazione di fumo occupa un posto privilegiato fra le tecniche disponibili per avere una diagnosi precoce d’incendio. La normativa definisce i rivelatori di fumo come quei rivelatori che reagiscono alle particelle volatili e agli aero-soli prodotti dalla combustione.

TVL Group provvede alla progettazione, all'installazione, all'avviamento e al relativo collaudo di sistemi di rivelazione fumo, per poi curarne inoltre la futura manutenzione. Questi sistemi garantiscono una rivelazione rapida per consentire un tempestivo ed efficace intervento risolutivo.

I rivelatori di fumo sono fondamentalmente di due tipi:
  • Rivelatori ottici di fumo;
  • Rivelatori ottici di fumo a camera a ionizzazione.
A loro volta, i rivelatori ottici di fumo si differenziano in base al principio di funzionamento come:
  • Rivelatori ottici di fumo a estinzione;
  • Rivelatori ottici di fumo a diffusione.
I rivelatori ottici di fumo a estinzione utilizzano l’effetto fisico della riduzione dell’intensità luminosa di una sorgente di luce quando il suo fascio è investito dal fumo.I rivelatori ottici di fumo a diffusione utilizzano il medesimo principio e si differenziano da quelli a estinzione per la presenza di uno schermo posto tra l’emettitore e il ricevitore. In assenza di fumo l’energia luminosa viene intercettata dallo schermo e non arriva sulla fotocellula.

I rivelatori di fumo a camera a ionizzazione reagiscono ai prodotti di combustione che modificano la corrente ionica in una camera a ionizzazione. Per descrivere il principio di funzionamento supponiamo di una piccola sorgente radioattiva (generalmente Am241) che ionizza l’aria in un ambiente limitato tra due elettrodi. Applicando a questi ultimi una differenza di potenziale, si riesce a leggere il passaggio di corrente con apposita strumentazione.

Quando il fumo entra nella camera di misura, si attacca al flusso degli ioni dell’aria, ne provoca un rallentamento e ne facilita la conversione allo stato neutro, per cui si ha una riduzione della corrente. In altri termini la presenza di fumo all’interno della camera viene letta come un aumento della resistenza e la variazione di corrente viene utilizzata come criterio di allarme.

Tutti gli elementi degli impianti realizzati da TVL Group sono marchiati CE e certificati. Gli standard di produzione di ogni componente rispettano i più rigidi requisiti di qualità e sicurezza e sono conformi alle normative vigenti.