tvlgroup.it utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consulti la nostra politica sui cookie.
Chiudendo questa notifica o continuando a navigare il sito acconsente all'utilizzo dei cookie.

Fondi interprofessionali

Fondi interprofessionali


TVL Group è in grado di predisporre tutta la documentazione per accedere ai fondi messi a disposizione dai fondi interprofessionali stessi. L'iscrizione a tali fondi è completamente gratuita e consente di usufruire delle risorse economiche accantonate da utilizzare per la formazione.

I Fondi Interprofessionali sono – potenzialmente – uno degli strumenti più efficaci per dare nuova linfa alle aziende e per investire in formazione in un periodo di crisi e di contrazione del lavoro. Questi fondi sono usati dalle aziende di tutti i settori per ottimizzare la preparazione dei propri dipendenti.

Creati dalla legge 388/2000, i Fondi Interprofessionali consentono la formazione professionale continua dei dipendenti delle aziende, le quali possono scegliere di destinare una quota pari allo 0,30% dei contributi previdenziali versati all’INPS per il finanziamento di iniziative pubbliche di formazione e aggiornamento dei lavoratori alle quali far accedere i propri dipendenti. Ne esistono di diverse tipologie, a seconda del settore di competenza.

L’INPS è l’ente deputato alle decisioni riguardanti il riconoscimento e la decorrenza dell’adesione ai Fondi Interprofessionali. Le aziende aderiscono a un fondo versando un contributo all’INPS che lo girerà al Fondo stesso. L’iscrizione a questi fondi può essere effettuata in forma elettronica tramite il sito dell’INPS, nella sezione dedicata.

Con l’adesione al fondo (che è revocabile), l’azienda si guadagna l’accesso alle attività formative per i dipendenti, accesso che viene rimodulato con precisione, tramite avvisi e bandi pubblici che stabiliscono le singole modalità di iscrizione. I piani formativi vengono organizzati su scala territoriale, aziendale o settoriale e le imprese possono dunque scegliere se aderirvi in forma associativa o singolarmente.

La legge n° 289/02 ha incentivato la flessibilità dei Fondi Paritetici Interprofessionali rendendo più semplice, per le aziende, finanziare attività e piani formativi a livello individuale.