tvlgroup.it utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consulti la nostra politica sui cookie.
Chiudendo questa notifica o continuando a navigare il sito acconsente all'utilizzo dei cookie.
Certificato prevenzione incendi - Attività a rischio basso
Categoria A: sono attività a basso rischio e contraddistinte da un limitato livello di complessità. Per le attività che rientrano in questa categoria è stata eliminata l’approvazione del progetto da parte del Comando dei Vigili del Fuoco e l’attività può cominciare previa presentazione della Segnalazione Certificata di inizio attività (SCIA) redatta da un professionista iscritto agli elenchi delle legge 818/84. Entro 60 giorni il Comando può uscire a campione per effettuare i controlli. La consulenza comprende:



Sopralluogo di verifica conformità antincendio e presidi ed individuazione delle norme

Sopralluogo di verifica conformità antincendio e presidi, segnaletica, ecc con verifica preliminare per l’individuazione ed il controllo dell’attività soggetta secondo il DPR n.151/11. Individuazione delle norme e delle prescrizioni particolari relative alla specifica attività


Relazione adeguamenti

Eventuale redazione relazione di lavori di adeguamento necessari prima della presentazione della SCIA.


Redazione documentazione

Predisposizione elenco documentazioni necessarie: conformità degli impianti, dichiarazioni di corretta posa in opera da parte degli installatori, etc.Produrre, come professionista abilitato, le certificazioni conclusive sul grado di resistenza al fuoco delle strutture.


Asseverazione

Asseverazione attestante la conformità dell’attività alle prescrizioni vigenti in materia di sicurezza antincendio, nonché al progetto approvato dal Comando.


Presentazione SCIA

Compilazione della domanda SCIA (segnalazione certificata di inizio attività);· Predisposizione del versamento da effettuare a favore della Tesoreria Provinciale dello Stato, ai sensi dell’articolo 23 del D.Lgs. 139/06.


Richiesta controllo da parte del Comando Vigili del Fuoco

Presentazione al Comando della richiesta di controllo di prevenzione documentazione conforme a quanto specificato nel Decreto 7/08/12. Intrattenimento dei rapporti con il Comando ed eventuale presenza – se concordata –durante il sopralluogo di controllo dei Vigili del Fuoco ( entro 60 giorni dalla presentazione della documentazione completa).


Sono escluse dalla consulenza

  • Elaborazione e rilievi di planimetrie, sezioni, prospetti, che devono essere forniti su supporto cad (*.dwg).
  • Copia documentazione presso Comando dei VVF e/o visure catastali.
  • Sopralluoghi aggiuntivi alla presente offerta (previsto n.01 sopralluogo per ciascuna parte a e b).
  • Oneri derivanti dalla progettazione esecutiva e/o direzione lavori delle opere di adeguamento.
  • Spese di registrazione e presentazione domanda ai Vigili del Fucoco
  • La progettazione degli impianti antincendio (idrico antincendio/rilevazione fumi, etc.).
  • Eventuali relazioni geologiche per prelievo acqua da pozzo.
  • Revisioni del progetto dovute a modifiche intervenute in corso d’opera.
  • Per le varianti non sostanziali l’eventuale dichiarazione di Non Aggravio di Rischio (DM 9/8/2000).
  • Quanto non indicato nelle attività sopra descritte di consulenza.

Certificato prevenzione incendi - Attività a rischio basso

  • Codice: W26
  • Disponibilità: Disponibile
  • 0,00€
  • Imponibile: 0,00€